Archivi categoria: RU486

Consultori, RU486 e i principi a senso unico

Roma 22 luglio 2010

Comunicato UDI nazionale

UN FATTO La Regione Puglia nel marzo scorso con la delibera n.735 ha avviato un’azione di potenziamento della rete dei Consultori e del “percorso nascita”, che prevede l’inserimento di ginecologi ed ostetriche non obiettori di coscienza, questo ha scatenano polemiche e la giunta Vendola è stata accusata dal Pdl di voler trasformare i consultori in «abortifici». Gli assessori firmatari della delibera 735, Tommaso Fiore e Elena Gentile, difendendo le ragioni del provvedimento, replicano: “Non è in atto alcuna discriminazione dei medici obiettori, solo la ferma volontà di garantire la piena applicazione della legge 194 e la tutela dei diritti delle donne”. Nove medici cattolici, tra i quali il Presidente dell’Associazione nazionale dei medici cattolici, hanno presentato ricorso al Tar di Bari, chiedendo l’annullamento del provvedimento in questione e della delibera numero 405, con la quale la giunta pugliese anticipa “il progressivo riposizionamento del personale sanitario che solleva obiezione di coscienza”.

Nel ricorso si parla di “scelta discriminatoria”.

E a noi verrebbe da dire che chi di obiezione ferisce, di obiezione perisce.

E si invocano principi sacrosanti che noi per prime rispettiamo, quando sono autentici. Ma è ormai cosa risaputa, che, dal primo giorno in cui è entrata in vigore la 194, si è abusato fino all’inverosimile dell’obiezione di coscienza.

In questi anni abbiamo visto obiettare non solo i medici, ma anche i portantini, le donne che dovevano abortire dovevano andarci con i loro piedi in sala operatoria. Hanno obiettato, in alcuni casi, gli  infermieri addetti alla distribuzione dei pasti “…a quella io non do da mangiare!”. Tantissime strutture pubbliche, dimostrando che l’autodeterminazione proprio non va giù, si sono impegnate in ogni modo per rendere la vita difficile alle donne.

In tutti questi anni l’UDI non ha mai smesso di indicare  nell’obiezione di coscienza –  per quello che la fanno diventare – il nodo ormai da affrontare nella teoria e nella pratica. Significa che dobbiamo, oggi come ieri, pretendere la piena applicazione della 194 attaccando il cavallo di Troia che vi è stato posto dentro per disinnescarla.

L’azione politica della giunta Vendola dimostra che è possibile governare riferendosi alle donne come cittadine, titolari di diritti e di doveri, e non come corpi su cui scatenare battaglie ideologiche. Dopo avere detto 50E50…ovunque si decide!, il nostro corpo fertile è la cartina di tornasole del grado di cittadinanza che riusciamo ad esercitare nella nostra società. Su questo misuriamo assistenza, leggi e utilizzo delle risorse. La scelta della stessa giunta Vendola, come della Regione Toscana, dimostra che, intanto, è possibile applicare il principio del 50E50.

UN FATTO In premessa della Proposta di Legge della Regione Lazio sul riordino dei Consultori si parla dei Consultori come luoghi  per il consolidamento della famiglia e dei valori etici di cui essa è portatrice.   Per chi ha redatto questa proposta la donna non è un soggetto, non è una cittadina, ma una componente di una struttura a conduzione patriarcale – la famiglia –  i cui interessi vengono prima di tutto. Il concepito stesso viene difeso in quanto già componente della famiglia. Viene da pensare che neanche l’uomo della strada si ritroverebbe nel quadretto di famiglia per come viene rappresentata in questa proposta di legge. Il senso comune degli uomini e delle donne, della società civile, è sicuramente più avanti di certi governanti e amministratori.

E’ ora di rovesciare le questioni, di interrogare invece di rispondere, consapevoli che la posta in gioco non è la vita umana come principio teorico, ma la nostra vita di donne, molto concreta e la nostra libertà. E’ ora di contrastare una restaurazione che prima ancora che politica è e vuole essere culturale. Una restaurazione che trova le sue ragioni nella necessità delle Istituzioni di rappresentarsi all’Istituzione religiosa come i capaci di mantenere l’ordine. Tutta la cosiddetta “cultura pro life” trasuda inviti alle donne a tornare nei ruoli di donne accoglienti, testimoni di una cultura della vita e di una società che deve essere, sempre attraverso le donne, aperta ed accogliente. Persino la contraccezione, è ormai vista  come ostile alla vita, e questo messaggio al negativo è ben più pericoloso e violento della pur insopportabile melassa mediatica attorno alle famiglie numerose, alle mamme ad oltranza, a quelle eroiche ecc.

E ANCORA Sulla RU486, l’ipocrisia con cui si finge di preoccuparsi della salute della donna, per costringerla ad entrare in una sala operatoria anche se potrebbe evitarlo, è la stessa che regola molte, troppe questioni legate al generare e al corpo delle donne.  Attraverso l’insostenibilità del ricovero obbligatorio di tre giorni, si sta forse preparando la “soluzione finale” per la RU486.

E’ facile morire ammazzate dopo anni di minacce, ma sui femminicidi non si fanno i compulsivi monitoraggi, indagini, inchieste, verifiche  a cui è soggetta la legge 194 (oltre a quello annuale dell’istituto Superiore di Sanità previsto dalla legge stessa).

E’ facile che in quella famiglia, sia italiana che straniera, così genericamente nominata, basata sui valori etici, di cui i Consultori dovrebbero diventare custodi e garanti, si compiano più del novanta per cento delle violenze contro le donne.

VOGLIAMO CHIAREZZA sulla contraccezione d’emergenza che viene deliberatamente confusa con la RU486 e vogliamo la sua demedicalizzazione, dunque che sia tolto l’obbligo di ricetta.  Perché la pillola del giorno dopo NON E’ UN ABORTIVO, quindi non ha senso che i farmacisti facciano obiezione, perché non possono come categoria e non ha senso che la facciano i medici perché, lo ripetiamo, non è un abortivo.

A tanta arretratezza culturale, ma anche spirituale che ci sta inseguendo, a tanta prepotenza, primitiva e volgare, l’UDI risponderà con le sue parole, con le sue denunce, con le sue azioni.

A tutto ciò, però, fanno da sponda iniziative illuminate su cui invitiamo a riflettere soprattutto quelle donne che occupano posti di responsabilità e prestigio.

A loro chiediamo di non costringere le donne ad una divisione su questioni che ci devono vedere invece solidali e rispettose.

A loro chiediamo un confronto franco e diretto che superi gli schieramenti ideologici.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Aborto, Contro la violenza sulle donne, Donne cittadine, Femminismo, RU486

Un video controinformativo sulla RU486 dalle donne di Torino

Da Sud DeGenere:

(…)

E dopo aver fatto giacere  nei magazzini, per mesi, gli scatoloni contenenti la pillola abortiva, la ex radicale, ex (finta) femminista non si arrende ed insiste, approfittando del fatto che la nostra attenzione è rivolta al “caldo” e alle “passioni” che uccidono. Oggi: “Il sottosegretario Roccella: irregolari le dimissioni volontarie delle pazienti. Diventa aborto a domicilio. Il governo minaccia: Ai governatori che dovessero sostenere protocolli non compatibili con quelli del ministero si ricorda anche che potrebbero essere oggetto di contenziosi legislative…. Abbiamo comunicato alle Regioni che esiste una criticità amministrativa che potrebbe determinare dei problemi sul piano del rimborso della prestazione da parte del servizio pubblico” si legge in un articolo del Corriere della Sera. L’unica Regione che ha esplicitamente indicato il day hospital come forma di assistenza legata alla Ru486 è l’Emilia Romagna.

Questo, un bellissimo video controinformativo delle Donne di Torino per l’autodeterminazione:

Vuoi sul piano simbolico, vuoi nella realtà, tutto mira a dominare il potere che risiede nel corpo femminile” Gloria Steinem

Scena Verticale nel mese di giugno ha portato in scena, con qualche tappa in Italia ma anche  in Argentina ed in Germania, gli spettacoli: DISSONORATA e LA BORTO.  Scena Verticale, ovvero: Saverio La Ruina, Dario De Luca e Settimio Pisano, tre uomini  calabresi, per la serie: yes, we can…

LA BORTO, è l’ultimo lavoro della compagnia:

“ “Non è solo la storia di un aborto. È la storia di una donna in una società dominata dall’atteggiamento e dallo sguardo maschili: uno sguardo predatorio che si avvinghia, violenta e offende; un atteggiamento che provoca gli eventi ma fugge le responsabilità. L’aborto ne è solo una delle tante conseguenze. Ma ne è la conseguenza più estrema.

La protagonista racconta l’universo femminile di un paese del meridione. Schiacciata da una società costruita da uomini con regole che non le concedono appigli, e che ancora oggi nel suo profondo stenta a cambiare, soprattutto negli atteggiamenti maschili, racconta il suo calvario in un sud arretrato e opprimente. E lo fa nei toni ironici, realistici e visionari insieme, propri di certe donne del sud.

Non mancano momenti sarcastici e ironici come quando gli uomini geometri misurano il corpo femminile come se al posto degli occhi avessero il metro. O come quando il paese si trasforma in una immensa chiesa a cielo aperto per scongiurare le gravidanze. Né quelli commoventi legati alla decimazione del “coro” delle donne.

Ma quando la protagonista chiude il cerchio col racconto del calvario della nipote, il sarcasmo e la commozione lasciano il posto a una profonda amarezza, mettendoci davanti alla dura e ambigua realtà dei nostri giorni.

… Stavìanu assittati nanti u circulu Unione e jucavinu a carti. I chiamavinu i giòmitri picchì ti misuravinu cu l’ùacchi u stessu i cumi s’avissiru u metru. A li posti i bloccu ci stavìanu i chiù zinni, allìavi, e a la “dogana” ci stavìanu i chiù granni, i giòmitri, e mìanzu i giòmitri cumannavi u ngignìaru, Duminicu u Bellu, u capu cantìaru, sempi cu a sigaretta mmucca, sempi cu a cammisa a la moda, ma sempi russa o celeste, sempi sbuttunata, sbuttunata a lu pìattu quannu facìa friddu e sbuttunata a la panza quannu facìa cavudu. Cu u cambiu i staggione gavuzavi o vasciavi u buttonu. Duminicu u bellu stavìa sempi stracatu supa a na seggia cumi a quannu avìa natu stancu. Però nun i scappavi na musca. E quannu u capu cantìaru giravidi a capa tutti l’ati a giravinu apprìassu. E l’ùacchi s’attaccavinu ncùaddu. T’i sintìasi ncùaddu cumi quannu ti ci appuggiavinu i mani. E partìa a radiografia. Sintìu u stessu rumuru i cumi quannu ti fanu a radiografia u spitalu. Cu pigghiavi di gammi, cu di spaddi, cu a mpìattu e cu a nculu. Pu si guardavinu e si passavinu i nformazioni, sulu cu l’ùacchi, senza paroli… “ “( Fonte: http://www.scenaverticale.it/ )

per il discorso sulla ru486, rimando a:

http://www.ingenere.it/articoli/ru486-la-pillola-che-non-c

http://www.ingenere.it/articoli/pillola-abortiva-regioni-fuorilegge

1 Commento

Archiviato in Aborto, Contro la violenza sulle donne, Donne cittadine, Falsa parità, RU486, Spot