Discriminazione diretta, indiretta o strutturale, multipla

Dal Coordinamento Pari Opportunità dell’ Associazione sindacale DIRCREDITO

 

Immagine4

Discriminazione

FAQ-PO n. 8

Nel mondo del lavoro le discriminazioni sono tante e a volte è difficile difendersi. La FAQ n. 8 aiuta a districarsi nella materia, perché spesso le discriminazioni sono sommerse, implicite, istituzionali, occulte, apparentemente neutre, ma soprattutto può accadere che manchi la consapevolezza dei propri diritti, o si abbia paura di ritorsioni, o semplicemente diffidenza verso le istituzioni di tutela.
La prevenzione e l’eliminazione delle discriminazioni non interessano soltanto le lavoratrici/lavoratori, ma anche e soprattutto le aziende, perché un buon ambiente di lavoro e un equo trattamento di tutto il personale accrescono motivazione, impegno e produttività.

• Cos’è la discriminazione? Discriminare significa distinguere, diversificare o differenziare fra persone, cose, casi o situazioni. La discriminazione acquista rilevanza giuridica quando causa un trattamento non paritario di una persona o un gruppo di persone, soltanto in virtù della loro appartenenza ad una particolare categoria.

• Quali sono le disposizioni legislative antidiscriminatorie? Art. 3 Costituzione: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. Al corpus della legislazione italiana (Statuto dei lavoratori, Pari Opportunità, Diritto dell’immigrato) si è sovrapposto il recepimento delle direttive comunitarie contro la discriminazione, in particolare 2000/43 e 2000/78.

• Quali sono i fattori di discriminazione? I possibili fattori di discriminazione sono infiniti, quelli riconosciuti dalla legge italiana sono: il genere, l’origine etnica, il credo (opinioni, fede, religione), l’orientamento sessuale, l’età, la disabilità fisica o psichica.

• La disparità di trattamento è sempre una discriminazione?
Solo quando è causata da un fattore discriminatorio, altrimenti può essere ammessa se si basa su un motivo oggettivo (qualifiche migliori o una maggiore esperienza professionale).

• Quali sono i comportamenti discriminatori?
La legge divide la discriminazione in diretta, indiretta o strutturale, multipla.

continua … Pubblicazione_gennaio

Coordinamento DirCredito  / DirCredito Comunicazione

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...