Fiorella Mannoia scrive alle donne

manifesto doveri sposeDoveri della famiglia cristiana, riprod. stampa del 1895, conservata nel ristorante “Casa Baroni” – Fellicarolo-MO – fonte e notizie radiocittadelcapo   

Vorrei aggiungere a tutte le riflessioni di ieri anche la mia e la voglio indirizzare alle donne. Sorelle, qui sotto ci sono scritte le regole che ci sono state inculcate in centinaia di anni. Sono retaggi duri a morire, circolano nel nostro sangue, nel nostro DNA.

Se vogliamo cambiare la mentalità maschile, dobbiamo cominciare a cambiare anche la nostra, toglierci dalla nostra “mappa genetica” questa vocazione della “crocerossina” quel pensiero malato che ci porta a sperare che “LUI” possa cambiare. Quel “LUI” non cambierà.

Sottomettere una donna (o chiunque) crea dipendenza, innesca, nelle persone vigliacche, una sindrome di onnipotenza difficile da sradicare, permettere anche una sola volta che il nostro compagno alzi una mano su di noi, o che eserciti una qualsiasi violenza anche psicologica ci fa scivolare lentamente in un pozzo dal quale è difficile risalire. Sono i nostri atteggiamenti sottomessi che inducono l’uomo (anche lui vittima degli stessi retaggi culturali che questa foto elenca così bene) a pensare ad una donna come una proprietà, e a non accettare il suo rifiuto.

Il mio invito è a riflettere sui nostri comportamenti. Bisogna scappare a gambe levate da un uomo violento, immediatamente. Invece spesso le donne sopportano, giustificano, perdonano, aspettano, sperano… che qualcosa possa cambiare, che LUI possa cambiare, rendendosi complici di una spirale pericolosa che spesso, troppo spesso, sfocia nelle tragedie che conosciamo. Quando una donna dice no è NO. Punto. Che sia una moglie, o una prostituta non fa differenza. Sradichiamo una volta per tutte le regole qui sotto riportate e non permettiamo a nessuno di toglierci la dignità che ogni essere umano ha diritto di avere. Ma deve partire da noi, dall’educazione che diamo ai nostri figli, una madre sottomessa è un cattivo esempio per i figli, maschi e femmine. Sorelle, riflettiamoci sopra.

Fiorella Mannoia

doveri spose(estratto Doveri delle spose)

***

Molto apprezzabili le riflessioni e generoso l’appello di Fiorella in occasione del 25 Novembre, e per una causa di civiltà basilare che dovrà quanto prima inondare il mondo. Sono ormai poche le donne che credono di dover obbedire al cliché della sottomissione, tuttavia la pericolosità di alcuni comportamenti maschili, manifesti o nascosti, permane nel nostro paese e nelle aree occidentali e può generare sottomissione, finché a un rifiuto non esplode incontenibile la punizione o la vendetta. E’ impensabile che in Europa, per esempio, si trovino alcuni paesi scandinavi ai primi posti per stupro, la forma più di ogni altra odiosa di sottomissione e annullamento fulmineo della personalità. Comportamenti violenti verso le donne sono abnormi e di massa in altre aree e nei terzi mondi, per il permanere di strutture tribali repressive, politiche o civili-religiose, e per la concezione arcaica del possesso dei beni tra cui era inclusa la donna.

La ribellione e la denuncia sono necessarie. La cosa più problematica è che dopo la denuncia vi sia il pericolo della vendetta senza la necessaria rete di protezione, e il contesto generale è quello delle gravi carenze in termini di prevenzione. Quando le situazioni sono complesse e pericolose, occorre possibilmente una strategia. Uscirne al più presto, chiedere aiuto, non rimanere sole.

E non rimanere sole, isolate, in generale per tutte le donne è un’esigenza in questa prospettiva di dovere estirpare, in casa o fuori casa, le culture offensive o violente contro di loro: unirsi e riunirsi in una partecipazione pubblica, non importa in quale forma associativa, per concorrere a raggiungere questo grado di civiltà dei diritti e dei doveri paritari. Capita di vedere tutte donne in varie sezioni di uffici istituzionali, ma poi il ruolo del capufficio è ininterrottamente maschile, e così il direttore generale, e quello regionale, e il sottosegretario e il ministro, e… il presidente della repubblica.

In questo senso il salto obbligato è quello di compartecipare ai ruoli decisionali e legislativi nella cosa pubblica, inserendo nuovi modelli di pensiero operativo e di analisi e con l’abbandono di quegli schemi maschili di potere che ignorano o ostacolano la dimensione femminile.

Diversamente sarà, come è già, una tela di Penelope.

La riproduzione sopra riportata dei Doveri delle Spose, cui si riferisce Mannoia e che circola in rete, è un corpuscolo, come è nella natura frammentata e frammentaria di fb, non meglio chiarito. Il primo equivoco che si può ingenerare è che fosse una vecchia pagina o stampa, come potrebbero indicare i caratteri, risalente a molti anni fa di Famiglia Cristiana, rivista cattolica.

Si tratta invece di una locandina, come diremmo oggi, stampata in occasione di una predicazione, una catechesi dedicata alla famiglia, tenuta dal 29 giugno al 7 luglio 1895 nella parrocchia di Fellicarolo, una frazione di Fanano in provincia di Modena.

L’intestazione del foglio originario infatti recita: RICORDO DELLA SACRA PREDICAZIONE in apparecchio alla solenne consacrazione della Famiglia cristiana.

La catechesi era stata sistematica e contemplava tutti gli aspetti comportamentali e interrelazionali dei componenti della famiglia, intesa come sacra famiglia di Nazaret, ma che di fatto investiva tutta la società di cui la famiglia era considerata nucleo, e di fatto nella sola componente maschile: i capifamiglia, i dipendenti, i figli maschi erano la struttura operante della società, le donne non avendo nessuna incidenza né come soggetto pubblico né come privato, sottomesse alla potestà maritale o paterna. Il documento oltre che diretto specchio di quella forma religiosa integralista è anche uno spaccato della struttura sociale gerarchica e patriarcale. Un capo assoluto per l’impero, il regno, il principato, il ducato…, un marito a capo della famiglia e del territorio domestico come microimpero. E la signoria era assoluta: dal territorio fisico ai corpi, all’anima, cui badava la chiesa. Facile ottenere obbedienza e sottomissione con l’umiliazione, la tortura, la terribile punizione, l’uccisione, il rogo, materializzazione dell’inferno.

Da allora è cambiato moltissimo per un verso, e sono stati i movimenti di donne a partire da metà Ottocento (l’ultima strega fu arsa all’alba di quel secolo) a portare cambiamenti per la loro parte, a scuotere la piramide societaria e né la parte maschile né la struttura ecclesiastica eorum sponte l’avrebbero mai voluto. Cedere potere è quasi un dolore fisico.

Per un altro verso coesiste ancora un enorme fenomeno carsico maschilista che può andare dalle forme più piccole e inconsapevoli (nessuno è perfetto) fino alle forme più macroscopiche con l’epilogo criminale del femminicidio. Ancora troppa letteratura mediatica celebra e alimenta il sentimento del possedimento d’amore per sempre, piuttosto che il sentimento del rispetto di un amore come legame consapevole nella libertà reciproca, finché potrà durare.

Il compendio della precettistica:

Doveri dei capi di casa

Doveri dei figli e dei dipendenti

Doveri delle spose

Doveri delle madri

Doveri dei mariti

Doveri di padri

Doveri dei giovani

Doveri delle giovani.

E’ evidente l’elencazione dei comandamenti in ordine gerarchico: capi-famiglia / figli e dipendenti; mariti / spose; padri / madri; giovani (maschi) / giovani (donne). Il prospetto-vademecum termina con le esortazioni: OPERA IL BENE / FUGGI IL MALE, con altra serie di precetti e giaculatorie.

A margine destro della riproduzione in verticale è scritto: Riproduzione originale di un’antica stampa conservata presso il ristorante “Casa Baroni” – Fellicarolo (MO) tel… Infatti la riproduzione è esposta in quel ristorante e a notarla è stato uno storico locale, Massimo Turchi.

I coniugi Fernando e Pina Corsini molti anni fa comprano un vecchio cascinale sull’Appenino tosco-emiliano per farne un ristorante, e nei lavori di ristrutturazione tra i vecchi oggetti agricoli delle soffitte trovano la stampa ingiallita, tutta piegata in un cesto. Fernando, che ha oggi 72 anni, descrive la borgata a più di mille metri sotto il monte Cimone come una piccola comunità di montanari pastori dediti alla transumanza, e che vivevano proprio secondo le regole del foglio ingiallito. L’unica trasgressione per i bisnonni dell’epoca era alzare il gomito la domenica all’osteria.

Sul tritatutto di fb e twitter i commenti crescono a dismisura, ma preoccupano soprattutto molte approvazioni da parte maschile. Qualche insulto a Mannoia, che pensasse solo a cantare, e qualche commento del tipo: le donne non sono di proprietà ma in comodato d’uso, il che non sposta molto i termini e fa vedere quanto vi sia ancora una dotazione mentale di luoghi comuni acriticamente accolta e dura a demolire. Costrette fino allo sfinimento ogni volta a indicarne le radici: il millenario patriarcato (planetario) che non ha religione, le forme istituzionali del potere repressivo che hanno a modello il capo, le religioni che hanno vissuto e vivono di gerarchie maschili da cui la donna storicamente è stata considerata inferiore, impura…  e oggi quelle voci, quei personaggi, quei media e quella comunicazione che perpetuano questo sottofondo.

Eppure al tempo arcaico quando il maschio non sapeva di chi fosse la prole generata, e non era ancora instaurata la proprietà domestica individuale e per clan, la figura della donna era omologa di una divinità portatrice dello stupore della nascita, strettamente legata ai cicli naturali. I gruppi erano paritari pacifici e collaboranti, matrilineari, come dimostrano l’assenza di tracce di guerra o strutture difensive negli insediamenti, le sepolture, i reperti archeologici delle dee madri.

Vigorosa e decisa dunque Fiorella Mannoia.

***

In quanto peccatrice per natura (diaboli ianua) e istigatrice al peccato, anzi origine del peccato primordiale la donna è così descritta da Tertulliano, dottore della Chiesa (De cultu feminarum, 1,1):

«Ogni donna dovrebbe camminare come Eva nel lutto e nella penitenza, di modo che con la veste della penitenza essa possa espiare pienamente ciò che le deriva da Eva, l’ignominia, io dico, del primo peccato, e l’odio insito in lei, causa dell’umana perdizione…

Dunque da tenere molto a bada…

(per una riflessione più approfondita e integrata continua a leggere)

Lascia un commento

Archiviato in Contro la violenza sulle donne, diritti della persona, libertà delle donne, Parità di genere

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...