Pubblicità rimossa

E un’altra!

Forza e coraggio: non desistere e incalzare con le segnalazioni delle pubblicità offensive nei confronti del corpo e della figura della donna! 

A proposito della pubblicità che riguardava una ditta produttrice di oli lubrificanti per motori, commentata il 29 marzo al post n. 1, più sotto, UDI rc riceve dall’IAP, Istituto per l’Autodisciplina Pubblicitaria:

Segnalazione messaggio pubblicitario “The no. 1 in friction reducing”, relativo al prodotto ‘Ceramic Power V-Twin Liquid’

rilevato su Moto Special – data copertina Marzo – Aprile 2011

Desideriamo informarVi che, il Comitato di Controllo, esaminato il messaggio pubblicitario in oggetto, ha deliberato di emettere ingiunzione di desistenza per violazione degli artt. 9 – Violenza, volgarità, indecenza e 10 – Convinzioni morali, civili, religiose e dignità della persona – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

A seguito del suddetto provvedimento autodisciplinare l’inserzionista ha comunicato l’intenzione di desistere dall’ulteriore diffusione del messaggio contestato.

Potrete rinvenire il contenuto del provvedimento inibitorio nel nostro sito internet www.iap.it, nella sezione “Le decisioni del Giurì e del Comitato di Controllo”.

 RingraziandoVi per l’apprezzata collaborazione, porgiamo i nostri migliori saluti.

I.A.P.

La Segreteria

Morale: impiego di risorse economiche buttate al vento per la campagna, probabile calo di vendite, essere additate ditte piuttosto con un certo discredito, correre ai ripari per rifarsi la facciata con una nuova campagna … Vale la pena?

I mezzi per contrastare questa spregevole tendenza di offendere le donne in parte ci sono, in parte andrebbero rafforzati. Occorrono un tenace lavoro per una maggiore sensibilità sociale, che spetta a tutte/i, e i codici deontologici dei pubblicitari che dovrebbero essere un protocollo normativo istituzionale. Ma soprattutto  dispositivi e sanzioni molto severe specialmente per le recidive. Per esempio divieto di qualsiasi pubblicità per un anno su ogni canale di comunicazione, stampa, TV, rete, oltre a multe salatissime e disincentivi. Scoraggerebbero decisamente le ditte avventuriere che adottano blitz pubblicitari e clamore piuttosto che la solidità del prodotto, l’intelligente comunicazione delle sue qualità. Non ci stanchiamo di ripetere che non ci devono essere censure, moralismi o bacchettonismi, ma Costituzione, codici e normativa proporzionata al danno sociale.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Contro la pubblicità sessista, Contro la violenza sulle donne, Media

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...